INFERNO

Canto diciottesimo




 
 

      Luogo è in inferno detto Malebolge, 
tutto di pietra di color ferrigno, 
come la cerchia che dintorno il volge. 
      Nel dritto mezzo del campo maligno 
vaneggia un pozzo assai largo e profondo, 
di cui suo loco dicerò l’ordigno. 
      Quel cinghio che rimane adunque è tondo 
tra ’l pozzo e ’l piè de l’alta ripa dura, 
e ha distinto in dieci valli il fondo. 
      Quale, dove per guardia de le mura 
più e più fossi cingon li castelli, 
la parte dove son rende figura, 
      tale imagine quivi facean quelli; 
e come a tai fortezze da’ lor sogli 
a la ripa di fuor son ponticelli, 
      così da imo de la roccia scogli 
movien che ricidien li argini e ’ fossi 
infino al pozzo che i tronca e raccogli. 
      In questo luogo, de la schiena scossi 
di Gerion, trovammoci; e ’l poeta 
tenne a sinistra, e io dietro mi mossi. 
      A la man destra vidi nova pieta, 
novo tormento e novi frustatori, 
di che la prima bolgia era repleta. 
      Nel fondo erano ignudi i peccatori; 
dal mezzo in qua ci venien verso ’l volto, 
di là con noi, ma con passi maggiori, 
      come i Roman per l’essercito molto, 
l’anno del giubileo, su per lo ponte 
hanno a passar la gente modo colto, 
      che da l’un lato tutti hanno la fronte 
verso ’l castello e vanno a Santo Pietro; 
da l’altra sponda vanno verso ’l monte. 
      Di qua, di là, su per lo sasso tetro 
vidi demon cornuti con gran ferze, 
che li battien crudelmente di retro. 
      Ahi come facean lor levar le berze 
a le prime percosse! già nessuno 
le seconde aspettava né le terze. 
      Mentr’io andava, li occhi miei in uno 
furo scontrati; e io sì tosto dissi: 
«Già di veder costui non son digiuno». 
      Per ch’io a figurarlo i piedi affissi; 
e ’l dolce duca meco si ristette, 
e assentio ch’alquanto in dietro gissi. 
      E quel frustato celar si credette 
bassando ’l viso; ma poco li valse, 
ch’io dissi: «O tu che l’occhio a terra gette, 
      se le fazion che porti non son false, 
Venedico se’ tu Caccianemico. 
Ma che ti mena a sì pungenti salse?». 
      Ed elli a me: «Mal volentier lo dico; 
ma sforzami la tua chiara favella, 
che mi fa sovvenir del mondo antico. 
      I’ fui colui che la Ghisolabella 
condussi a far la voglia del marchese, 
come che suoni la sconcia novella. 
      E non pur io qui piango bolognese; 
anzi n’è questo luogo tanto pieno, 
che tante lingue non son ora apprese 
      a dicer ’sipa’ tra Sàvena e Reno; 
e se di ciò vuoi fede o testimonio, 
rècati a mente il nostro avaro seno». 
      Così parlando il percosse un demonio 
de la sua scuriada, e disse: «Via, 
ruffian! qui non son femmine da conio». 
      I’ mi raggiunsi con la scorta mia; 
poscia con pochi passi divenimmo 
là ’v’uno scoglio de la ripa uscia. 
      Assai leggeramente quel salimmo; 
e vòlti a destra su per la sua scheggia, 
da quelle cerchie etterne ci partimmo. 
      Quando noi fummo là dov’el vaneggia 
di sotto per dar passo a li sferzati, 
lo duca disse: «Attienti, e fa che feggia 
      lo viso in te di quest’altri mal nati, 
ai quali ancor non vedesti la faccia 
però che son con noi insieme andati». 
      Del vecchio ponte guardavam la traccia 
che venìa verso noi da l’altra banda, 
e che la ferza similmente scaccia. 
      E ’l buon maestro, sanza mia dimanda, 
mi disse: «Guarda quel grande che vene, 
e per dolor non par lagrime spanda: 
      quanto aspetto reale ancor ritene! 
Quelli è Iasón, che per cuore e per senno 
li Colchi del monton privati féne. 
      Ello passò per l’isola di Lenno, 
poi che l’ardite femmine spietate 
tutti li maschi loro a morte dienno. 
      Ivi con segni e con parole ornate 
Isifile ingannò, la giovinetta 
che prima avea tutte l’altre ingannate. 
      Lasciolla quivi, gravida, soletta; 
tal colpa a tal martiro lui condanna; 
e anche di Medea si fa vendetta. 
      Con lui sen va chi da tal parte inganna: 
e questo basti de la prima valle 
sapere e di color che ’n sé assanna». 
      Già eravam là ’ve lo stretto calle 
con l’argine secondo s’incrocicchia, 
e fa di quello ad un altr’arco spalle. 
      Quindi sentimmo gente che si nicchia 
ne l’altra bolgia e che col muso scuffa, 
e sé medesma con le palme picchia. 
      Le ripe eran grommate d’una muffa, 
per l’alito di giù che vi s’appasta, 
che con li occhi e col naso facea zuffa. 
      Lo fondo è cupo sì, che non ci basta 
loco a veder sanza montare al dosso 
de l’arco, ove lo scoglio più sovrasta. 
      Quivi venimmo; e quindi giù nel fosso 
vidi gente attuffata in uno sterco 
che da li uman privadi parea mosso. 
      E mentre ch’io là giù con l’occhio cerco, 
vidi un col capo sì di merda lordo, 
che non parea s’era laico o cherco. 
      Quei mi sgridò: «Perché se’ tu sì gordo 
di riguardar più me che li altri brutti?». 
E io a lui: «Perché, se ben ricordo, 
      già t’ho veduto coi capelli asciutti, 
e se’ Alessio Interminei da Lucca: 
però t’adocchio più che li altri tutti». 
      Ed elli allor, battendosi la zucca: 
«Qua giù m’hanno sommerso le lusinghe 
ond’io non ebbi mai la lingua stucca». 
      Appresso ciò lo duca «Fa che pinghe», 
mi disse «il viso un poco più avante, 
sì che la faccia ben con l’occhio attinghe 
      di quella sozza e scapigliata fante 
che là si graffia con l’unghie merdose, 
e or s’accoscia e ora è in piedi stante. 
      Taide è, la puttana che rispuose 
al drudo suo quando disse "Ho io grazie 
grandi apo te?": "Anzi maravigliose!". 
      E quinci sien le nostre viste sazie».
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
132 
 
 
 
136