INFERNO

Canto ventesimo




 
 

      Di nova pena mi conven far versi 
e dar matera al ventesimo canto 
de la prima canzon ch’è d’i sommersi. 
      Io era già disposto tutto quanto 
a riguardar ne lo scoperto fondo, 
che si bagnava d’angoscioso pianto; 
      e vidi gente per lo vallon tondo 
venir, tacendo e lagrimando, al passo 
che fanno le letane in questo mondo. 
      Come ’l viso mi scese in lor più basso, 
mirabilmente apparve esser travolto 
ciascun tra ’l mento e ’l principio del casso; 
      ché da le reni era tornato ’l volto, 
e in dietro venir li convenia, 
perché ’l veder dinanzi era lor tolto. 
      Forse per forza già di parlasia 
si travolse così alcun del tutto; 
ma io nol vidi, né credo che sia. 
      Se Dio ti lasci, lettor, prender frutto 
di tua lezione, or pensa per te stesso 
com’io potea tener lo viso asciutto, 
      quando la nostra imagine di presso 
vidi sì torta, che ’l pianto de li occhi 
le natiche bagnava per lo fesso. 
      Certo io piangea, poggiato a un de’ rocchi 
del duro scoglio, sì che la mia scorta 
mi disse: «Ancor se’ tu de li altri sciocchi? 
      Qui vive la pietà quand’è ben morta; 
chi è più scellerato che colui 
che al giudicio divin passion comporta? 
      Drizza la testa, drizza, e vedi a cui 
s’aperse a li occhi d’i Teban la terra; 
per ch’ei gridavan tutti: "Dove rui, 
      Anfiarao? perché lasci la guerra?". 
E non restò di ruinare a valle 
fino a Minòs che ciascheduno afferra. 
      Mira c’ha fatto petto de le spalle: 
perché volle veder troppo davante, 
di retro guarda e fa retroso calle. 
      Vedi Tiresia, che mutò sembiante 
quando di maschio femmina divenne 
cangiandosi le membra tutte quante; 
e prima, poi, ribatter li convenne 
li duo serpenti avvolti, con la verga, 
che riavesse le maschili penne. 
Aronta è quel ch’al ventre li s’atterga, 
che ne’ monti di Luni, dove ronca 
lo Carrarese che di sotto alberga, 
      ebbe tra ’ bianchi marmi la spelonca 
per sua dimora; onde a guardar le stelle 
e ’l mar no li era la veduta tronca. 
      E quella che ricuopre le mammelle, 
che tu non vedi, con le trecce sciolte, 
e ha di là ogne pilosa pelle, 
      Manto fu, che cerc• per terre molte; 
poscia si puose là dove nacqu’io; 
onde un poco mi piace che m’ascolte. 
      Poscia che ’l padre suo di vita uscìo, 
e venne serva la città di Baco, 
questa gran tempo per lo mondo gìo. 
      Suso in Italia bella giace un laco, 
a piè de l’Alpe che serra Lamagna 
sovra Tiralli, c’ha nome Benaco. 
      Per mille fonti, credo, e più si bagna 
tra Garda e Val Camonica e Pennino 
de l’acqua che nel detto laco stagna. 
      Loco è nel mezzo là dove ’l trentino 
pastore e quel di Brescia e ’l veronese 
segnar poria, s’e’ fesse quel cammino. 
      Siede Peschiera, bello e forte arnese 
da fronteggiar Bresciani e Bergamaschi, 
ove la riva ’ntorno più discese. 
      Ivi convien che tutto quanto caschi 
ciò che ’n grembo a Benaco star non può, 
e fassi fiume giù per verdi paschi. 
      Tosto che l’acqua a correr mette co, 
non più Benaco, ma Mencio si chiama 
fino a Governol, dove cade in Po. 
      Non molto ha corso, ch’el trova una lama, 
ne la qual si distende e la ’mpaluda; 
e suol di state talor essere grama. 
      Quindi passando la vergine cruda 
vide terra, nel mezzo del pantano, 
sanza coltura e d’abitanti nuda. 
      Lì, per fuggire ogne consorzio umano, 
ristette con suoi servi a far sue arti, 
e visse, e vi lasciò suo corpo vano. 
      Li uomini poi che ’ntorno erano sparti 
s’accolsero a quel loco, ch’era forte 
per lo pantan ch’avea da tutte parti. 
      Fer la città sovra quell’ossa morte; 
e per colei che ’l loco prima elesse, 
Mantua l’appellar sanz’altra sorte. 
      Già fuor le genti sue dentro più spesse, 
prima che la mattia da Casalodi 
da Pinamonte inganno ricevesse. 
      Però t’assenno che, se tu mai odi 
originar la mia terra altrimenti, 
la verità nulla menzogna frodi». 
      E io: «Maestro, i tuoi ragionamenti 
mi son sì certi e prendon sì mia fede, 
che li altri mi sarien carboni spenti. 
      Ma dimmi, de la gente che procede, 
se tu ne vedi alcun degno di nota; 
ché solo a ciò la mia mente rifiede». 
      Allor mi disse: «Quel che da la gota 
porge la barba in su le spalle brune, 
fu - quando Grecia fu di maschi vòta, 
      sì ch’a pena rimaser per le cune - 
augure, e diede ’l punto con Calcanta 
in Aulide a tagliar la prima fune. 
      Euripilo ebbe nome, e così ’l canta 
l’alta mia tragedìa in alcun loco: 
ben lo sai tu che la sai tutta quanta. 
      Quell’altro che ne’ fianchi è così poco, 
Michele Scotto fu, che veramente 
de le magiche frode seppe ’l gioco. 
      Vedi Guido Bonatti; vedi Asdente, 
ch’avere inteso al cuoio e a lo spago 
ora vorrebbe, ma tardi si pente. 
      Vedi le triste che lasciaron l’ago, 
la spuola e ’l fuso, e fecersi ’ndivine; 
fecer malie con erbe e con imago. 
      Ma vienne omai, ché già tiene ’l confine 
d’amendue li emisperi e tocca l’onda 
sotto Sobilia Caino e le spine; 
      e già iernotte fu la luna tonda: 
ben ten de’ ricordar, ché non ti nocque 
alcuna volta per la selva fonda». 
      Sì mi parlava, e andavamo introcque.
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
 
130