INFERNO

Canto ventottesimo




 
 

      Chi poria mai pur con parole sciolte 
dicer del sangue e de le piaghe a pieno 
ch’i’ ora vidi, per narrar più volte? 
      Ogne lingua per certo verria meno 
per lo nostro sermone e per la mente 
c’hanno a tanto comprender poco seno. 
      S’el s’aunasse ancor tutta la gente 
che già in su la fortunata terra 
di Puglia, fu del suo sangue dolente 
      per li Troiani e per la lunga guerra 
che de l’anella fé sì alte spoglie, 
come Livio scrive, che non erra, 
      con quella che sentio di colpi doglie 
per contastare a Ruberto Guiscardo; 
e l’altra il cui ossame ancor s’accoglie 
      a Ceperan, là dove fu bugiardo 
ciascun Pugliese, e là da Tagliacozzo, 
dove sanz’arme vinse il vecchio Alardo; 
      e qual forato suo membro e qual mozzo 
mostrasse, d’aequar sarebbe nulla 
il modo de la nona bolgia sozzo. 
      Già veggia, per mezzul perdere o lulla, 
com’io vidi un, così non si pertugia, 
rotto dal mento infin dove si trulla. 
      Tra le gambe pendevan le minugia; 
la corata pareva e ’l tristo sacco 
che merda fa di quel che si trangugia. 
      Mentre che tutto in lui veder m’attacco, 
guardommi, e con le man s’aperse il petto, 
dicendo: «Or vedi com’io mi dilacco! 
      vedi come storpiato è Maometto! 
Dinanzi a me sen va piangendo Alì, 
fesso nel volto dal mento al ciuffetto. 
      E tutti li altri che tu vedi qui, 
seminator di scandalo e di scisma 
fuor vivi, e però son fessi così. 
      Un diavolo è qua dietro che n’accisma 
sì crudelmente, al taglio de la spada 
rimettendo ciascun di questa risma, 
      quand’avem volta la dolente strada; 
però che le ferite son richiuse 
prima ch’altri dinanzi li rivada. 
      Ma tu chi se’ che ’n su lo scoglio muse, 
forse per indugiar d’ire a la pena 
ch’è giudicata in su le tue accuse?». 
      «Né morte ’l giunse ancor, né colpa ’l mena», 
rispuose ’l mio maestro «a tormentarlo; 
ma per dar lui esperienza piena, 
      a me, che morto son, convien menarlo 
per lo ’nferno qua giù di giro in giro; 
e quest’è ver così com’io ti parlo». 
      Più fuor di cento che, quando l’udiro, 
s’arrestaron nel fosso a riguardarmi 
per maraviglia obliando il martiro. 
      «Or dì a fra Dolcin dunque che s’armi, 
tu che forse vedra’ il sole in breve, 
s’ello non vuol qui tosto seguitarmi, 
      sì di vivanda, che stretta di neve 
non rechi la vittoria al Noarese, 
ch’altrimenti acquistar non sarìa leve». 
      Poi che l’un piè per girsene sospese, 
Maometto mi disse esta parola; 
indi a partirsi in terra lo distese. 
      Un altro, che forata avea la gola 
e tronco ’l naso infin sotto le ciglia, 
e non avea mai ch’una orecchia sola, 
      ristato a riguardar per maraviglia 
con li altri, innanzi a li altri aprì la canna, 
ch’era di fuor d’ogni parte vermiglia, 
      e disse: «O tu cui colpa non condanna 
e cu’ io vidi su in terra latina, 
se troppa simiglianza non m’inganna, 
      rimembriti di Pier da Medicina, 
se mai torni a veder lo dolce piano 
che da Vercelli a Marcabò dichina. 
      E fa saper a’ due miglior da Fano, 
a messer Guido e anco ad Angiolello, 
che, se l’antiveder qui non è vano, 
      gittati saran fuor di lor vasello 
e mazzerati presso a la Cattolica 
per tradimento d’un tiranno fello. 
      Tra l’isola di Cipri e di Maiolica 
non vide mai sì gran fallo Nettuno, 
non da pirate, non da gente argolica. 
      Quel traditor che vede pur con l’uno, 
e tien la terra che tale qui meco 
vorrebbe di vedere esser digiuno, 
      farà venirli a parlamento seco; 
poi farà sì, ch’al vento di Focara 
non sarà lor mestier voto né preco». 
      E io a lui: «Dimostrami e dichiara, 
se vuo’ ch’i’ porti sù di te novella, 
chi è colui da la veduta amara». 
      Allor puose la mano a la mascella 
d’un suo compagno e la bocca li aperse, 
gridando: «Questi è desso, e non favella. 
      Questi, scacciato, il dubitar sommerse 
in Cesare, affermando che ’l fornito 
sempre con danno l’attender sofferse». 
      Oh quanto mi pareva sbigottito 
con la lingua tagliata ne la strozza 
Curio, ch’a dir fu così ardito! 
      E un ch’avea l’una e l’altra man mozza, 
levando i moncherin per l’aura fosca, 
sì che ’l sangue facea la faccia sozza, 
      gridò: «Ricordera’ti anche del Mosca, 
che disse, lasso!, "Capo ha cosa fatta", 
che fu mal seme per la gente tosca». 
      E io li aggiunsi: «E morte di tua schiatta»; 
per ch’elli, accumulando duol con duolo, 
sen gio come persona trista e matta. 
      Ma io rimasi a riguardar lo stuolo, 
e vidi cosa, ch’io avrei paura, 
sanza più prova, di contarla solo; 
      se non che coscienza m’assicura, 
la buona compagnia che l’uom francheggia 
sotto l’asbergo del sentirsi pura. 
      Io vidi certo, e ancor par ch’io ’l veggia, 
un busto sanza capo andar sì come 
andavan li altri de la trista greggia; 
      e ’l capo tronco tenea per le chiome, 
pesol con mano a guisa di lanterna; 
e quel mirava noi e dicea: «Oh me!». 
      Di sé facea a sé stesso lucerna, 
ed eran due in uno e uno in due: 
com’esser può, quei sa che sì governa. 
      Quando diritto al piè del ponte fue, 
levò ’l braccio alto con tutta la testa, 
per appressarne le parole sue, 
      che fuoro: «Or vedi la pena molesta 
tu che, spirando, vai veggendo i morti: 
vedi s’alcuna è grande come questa. 
      E perché tu di me novella porti, 
sappi ch’i’ son Bertram dal Bornio, quelli 
che diedi al re giovane i ma’ conforti. 
      Io feci il padre e ’l figlio in sé ribelli: 
Achitofèl non fé più d’Absalone 
e di Davìd coi malvagi punzelli. 
      Perch’io parti’ così giunte persone, 
partito porto il mio cerebro, lasso!, 
dal suo principio ch’è in questo troncone. 
      Così s’osserva in me lo contrapasso».
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
132 
 
 
135 
 
 
 138
 
 
 
 142