INFERNO

Canto ventinovesimo




 
 


      La molta gente e le diverse piaghe
avean le luci mie sì inebrïate, 
che de lo stare a piangere eran vaghe. 
      Ma Virgilio mi disse: «Che pur guate? 
perché la vista tua pur si soffolge 
là giù tra l’ombre triste smozzicate? 
      Tu non hai fatto sì a l’altre bolge; 
pensa, se tu annoverar le credi, 
che miglia ventidue la valle volge. 
      E già la luna è sotto i nostri piedi: 
lo tempo è poco omai che n’è concesso, 
e altro è da veder che tu non vedi». 
      «Se tu avessi», rispuos’io appresso, 
«atteso a la cagion perch’io guardava, 
forse m’avresti ancor lo star dimesso». 
Parte sen giva, e io retro li andava, 
lo duca, già faccendo la risposta, 
e soggiugnendo: «Dentro a quella cava 
      dov’io tenea or li occhi sì a posta, 
credo ch’un spirto del mio sangue pianga 
la colpa che là giù cotanto costa». 
      Allor disse ’l maestro: «Non si franga 
lo tuo pensier da qui innanzi sovr’ello. 
Attendi ad altro, ed ei là si rimanga; 
      ch’io vidi lui a piè del ponticello 
mostrarti, e minacciar forte, col dito, 
e udi’ ’l nominar Geri del Bello. 
      Tu eri allor sì del tutto impedito 
sovra colui che già tenne Altaforte, 
che non guardasti in là, sì fu partito». 
      «O duca mio, la violenta morte 
che non li è vendicata ancor», diss’io, 
«per alcun che de l’onta sia consorte, 
      fece lui disdegnoso; ond’el sen gio 
sanza parlarmi, sì com’io estimo: 
e in ciò m’ha el fatto a sé più pio». 
      Così parlammo infino al loco primo 
che de lo scoglio l’altra valle mostra, 
se più lume vi fosse, tutto ad imo. 
      Quando noi fummo sor l’ultima chiostra 
di Malebolge, sì che i suoi conversi 
potean parere a la veduta nostra, 
      lamenti saettaron me diversi, 
che di pietà ferrati avean li strali; 
ond’io li orecchi con le man copersi. 
      Qual dolor fora, se de li spedali, 
di Valdichiana tra ’l luglio e ’l settembre 
e di Maremma e di Sardigna i mali 
      fossero in una fossa tutti ’nsembre, 
tal era quivi, e tal puzzo n’usciva 
qual suol venir de le marcite membre. 
      Noi discendemmo in su l’ultima riva 
del lungo scoglio, pur da man sinistra; 
e allor fu la mia vista più viva 
      giù ver lo fondo, la ’ve la ministra 
de l’alto Sire infallibil giustizia 
punisce i falsador che qui registra. 
      Non credo ch’a veder maggior tristizia 
fosse in Egina il popol tutto infermo, 
quando fu l’aere sì pien di malizia, 
      che li animali, infino al picciol vermo, 
cascaron tutti, e poi le genti antiche, 
secondo che i poeti hanno per fermo, 
      si ristorar di seme di formiche; 
ch’era a veder per quella oscura valle 
languir li spirti per diverse biche. 
      Qual sovra ’l ventre, e qual sovra le spalle 
l’un de l’altro giacea, e qual carpone 
si trasmutava per lo tristo calle. 
      Passo passo andavam sanza sermone, 
guardando e ascoltando li ammalati, 
che non potean levar le lor persone. 
      Io vidi due sedere a sé poggiati, 
com’a scaldar si poggia tegghia a tegghia, 
dal capo al piè di schianze macolati; 
      e non vidi già mai menare stregghia 
a ragazzo aspettato dal segnorso, 
né a colui che mal volontier vegghia, 
      come ciascun menava spesso il morso 
de l’unghie sopra sé per la gran rabbia 
del pizzicor, che non ha più soccorso; 
      e sì traevan giù l’unghie la scabbia, 
come coltel di scardova le scaglie 
o d’altro pesce che più larghe l’abbia. 
      «O tu che con le dita ti dismaglie», 
cominciò ’l duca mio a l’un di loro, 
«e che fai d’esse talvolta tanaglie, 
      dinne s’alcun Latino è tra costoro 
che son quinc’entro, se l’unghia ti basti 
etternalmente a cotesto lavoro». 
      «Latin siam noi, che tu vedi sì guasti 
qui ambedue», rispuose l’un piangendo; 
«ma tu chi se’ che di noi dimandasti?». 
      E ’l duca disse: «I’ son un che discendo 
con questo vivo giù di balzo in balzo, 
e di mostrar lo ’nferno a lui intendo». 
      Allor si ruppe lo comun rincalzo; 
e tremando ciascuno a me si volse 
con altri che l’udiron di rimbalzo. 
      Lo buon maestro a me tutto s’accolse, 
dicendo: «Dì a lor ciò che tu vuoli»; 
e io incominciai, poscia ch’ei volse: 
      «Se la vostra memoria non s’imboli 
nel primo mondo da l’umane menti, 
ma s’ella viva sotto molti soli, 
      ditemi chi voi siete e di che genti; 
la vostra sconcia e fastidiosa pena 
di palesarvi a me non vi spaventi». 
      «Io fui d’Arezzo, e Albero da Siena», 
rispuose l’un, «mi fé mettere al foco; 
ma quel per ch’io mori’ qui non mi mena. 
      Vero è ch’i’ dissi lui, parlando a gioco: 
"I’ mi saprei levar per l’aere a volo"; 
e quei, ch’avea vaghezza e senno poco, 
      volle ch’i’ li mostrassi l’arte; e solo 
perch’io nol feci Dedalo, mi fece 
ardere a tal che l’avea per figliuolo. 
      Ma nell ’ultima bolgia de le diece 
me per l’alchìmia che nel mondo usai 
dannò Minòs, a cui fallar non lece». 
      E io dissi al poeta: «Or fu già mai 
gente sì vana come la sanese? 
Certo non la francesca sì d’assai!». 
      Onde l’altro lebbroso, che m’intese, 
rispuose al detto mio: «Tra’mene Stricca 
che seppe far le temperate spese, 
      e Niccolò che la costuma ricca 
del garofano prima discoverse 
ne l’orto dove tal seme s’appicca; 
      e tra’ne la brigata in che disperse 
Caccia d’Ascian la vigna e la gran fonda, 
e l’Abbagliato suo senno proferse. 
      Ma perché sappi chi sì ti seconda 
contra i Sanesi, aguzza ver me l’occhio, 
sì che la faccia mia ben ti risponda: 
      sì vedrai ch’io son l’ombra di Capocchio, 
che falsai li metalli con l’alchìmia; 
e te dee ricordar, se ben t’adocchio, 
      com’io fui di natura buona scimia».
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
132 
 
 
135 
 
 
 
139