INFERNO

Canto nono




 
 

      Quel color che viltà di fuor mi pinse 
veggendo il duca mio tornare in volta, 
più tosto dentro il suo novo ristrinse. 
      Attento si fermò com’uom ch’ascolta; 
ché l’occhio nol potea menare a lunga 
per l’aere nero e per la nebbia folta. 
      «Pur a noi converrà vincer la punga», 
cominciò el, «se non... Tal ne s’offerse. 
Oh quanto tarda a me ch’altri qui giunga!». 
      I’ vidi ben sì com’ei ricoperse 
lo cominciar con l’altro che poi venne, 
che fur parole a le prime diverse; 
      ma nondimen paura il suo dir dienne, 
perch’io traeva la parola tronca 
forse a peggior sentenzia che non tenne. 
      «In questo fondo de la trista conca 
discende mai alcun del primo grado, 
che sol per pena ha la speranza cionca?». 
      Questa question fec’io; e quei «Di rado 
incontra», mi rispuose, «che di noi 
faccia il cammino alcun per qual io vado. 
      Ver è ch’altra fiata qua giù fui, 
congiurato da quella Eritón cruda 
che richiamava l’ombre a’ corpi sui. 
      Di poco era di me la carne nuda, 
ch’ella mi fece intrar dentr’a quel muro, 
per trarne un spirto del cerchio di Giuda. 
      Quell’è ’l più basso loco e ’l più oscuro, 
e ’l più lontan dal ciel che tutto gira: 
ben so ’l cammin; però ti fa sicuro. 
      Questa palude che ’l gran puzzo spira 
cigne dintorno la città dolente, 
u’ non potemo intrare omai sanz’ira». 
      E altro disse, ma non l’ho a mente; 
però che l’occhio m’avea tutto tratto 
ver’ l’alta torre a la cima rovente, 
      dove in un punto furon dritte ratto 
tre furie infernal di sangue tinte, 
che membra feminine avieno e atto, 
      e con idre verdissime eran cinte; 
serpentelli e ceraste avien per crine, 
onde le fiere tempie erano avvinte. 
      E quei, che ben conobbe le meschine 
de la regina de l’etterno pianto, 
«Guarda», mi disse, «le feroci Erine. 
      Quest’è Megera dal sinistro canto; 
quella che piange dal destro è Aletto; 
Tesifón è nel mezzo»; e tacque a tanto. 
      Con l’unghie si fendea ciascuna il petto; 
battiensi a palme, e gridavan sì alto, 
ch’i’ mi strinsi al poeta per sospetto. 
      «Vegna Medusa: sì ’l farem di smalto», 
dicevan tutte riguardando in giuso; 
«mal non vengiammo in Teseo l’assalto». 
      «Volgiti ’n dietro e tien lo viso chiuso; 
ch‚ se ’l Gorgón si mostra e tu ’l vedessi, 
nulla sarebbe di tornar mai suso». 
      Così disse ’l maestro; ed elli stessi 
mi volse, e non si tenne a le mie mani, 
che con le sue ancor non mi chiudessi. 
      O voi ch’avete li ’ntelletti sani, 
mirate la dottrina che s’asconde 
sotto ’l velame de li versi strani. 
      E già venia su per le torbide onde 
un fracasso d’un suon, pien di spavento, 
per cui tremavano amendue le sponde, 
      non altrimenti fatto che d’un vento 
impetuoso per li avversi ardori, 
che fier la selva e sanz’alcun rattento 
      li rami schianta, abbatte e porta fori; 
dinanzi polveroso va superbo, 
e fa fuggir le fiere e li pastori. 
      i occhi mi sciolse e disse: «Or drizza il nerbo 
del viso su per quella schiuma antica 
per indi ove quel fummo è più acerbo». 
       Come le rane innanzi a la nimica 
biscia per l’acqua si dileguan tutte, 
fin ch’a la terra ciascuna s’abbica, 
      vid’io più di mille anime distrutte 
fuggir così dinanzi ad un ch’al passo 
passava Stige con le piante asciutte. 
      Dal volto rimovea quell’aere grasso, 
menando la sinistra innanzi spesso; 
e sol di quell’angoscia parea lasso. 
      Ben m’accorsi ch’elli era da ciel messo, 
e volsimi al maestro; e quei fé segno 
ch’i’ stessi queto ed inchinassi ad esso. 
      Ahi quanto mi parea pien di disdegno! 
Venne a la porta, e con una verghetta 
l’aperse, che non v’ebbe alcun ritegno. 
      «O cacciati del ciel, gente dispetta», 
cominciò elli in su l’orribil soglia, 
«ond’esta oltracotanza in voi s’alletta? 
      Perché recalcitrate a quella voglia 
a cui non puote il fin mai esser mozzo, 
e che più volte v’ha cresciuta doglia? 
      Che giova ne le fata dar di cozzo? 
Cerbero vostro, se ben vi ricorda, 
ne porta ancor pelato il mento e ’l gozzo». 
      Poi si rivolse per la strada lorda, 
e non fé motto a noi, ma fé sembiante 
d’omo cui altra cura stringa e morda 
      che quella di colui che li è davante; 
e noi movemmo i piedi inver’ la terra, 
sicuri appresso le parole sante. 
      Dentro li ’ntrammo sanz’alcuna guerra; 
e io, ch’avea di riguardar disio 
la condizion che tal fortezza serra, 
      com’io fui dentro, l’occhio intorno invio; 
e veggio ad ogne man grande campagna 
piena di duolo e di tormento rio. 
      Sì come ad Arli, ove Rodano stagna, 
sì com’a Pola, presso del Carnaro 
ch’Italia chiude e suoi termini bagna, 
      fanno i sepulcri tutt’il loco varo, 
così facevan quivi d’ogne parte, 
salvo che ’l modo v’era più amaro; 
      ché tra gli avelli fiamme erano sparte, 
per le quali eran sì del tutto accesi, 
che ferro più non chiede verun’arte. 
      Tutti li lor coperchi eran sospesi, 
e fuor n’uscivan sì duri lamenti, 
che ben parean di miseri e d’offesi. 
      E io: «Maestro, quai son quelle genti 
che, seppellite dentro da quell’arche, 
si fan sentir coi sospiri dolenti?». 
      Ed elli a me: «Qui son li eresiarche 
con lor seguaci, d’ogne setta, e molto 
più che non credi son le tombe carche. 
      Simile qui con simile è sepolto, 
e i monimenti son più e men caldi». 
E poi ch’a la man destra si fu vòlto, 
      passammo tra i martiri e li alti spaldi.
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
 
133