PARADISO

Canto ventottesimo




 
 

      Poscia che 'ncontro a la vita presente 
d'i miseri mortali aperse 'l vero 
quella che 'mparadisa la mia mente, 
      come in lo specchio fiamma di doppiero 
vede colui che se n'alluma retro, 
prima che l'abbia in vista o in pensiero, 
      e sé rivolge per veder se 'l vetro 
li dice il vero, e vede ch'el s'accorda 
con esso come nota con suo metro; 
      così la mia memoria si ricorda 
ch'io feci riguardando ne' belli occhi 
onde a pigliarmi fece Amor la corda. 
      E com'io mi rivolsi e furon tocchi 
li miei da ciò che pare in quel volume, 
quandunque nel suo giro ben s'adocchi, 
      un punto vidi che raggiava lume 
acuto sì, che 'l viso ch'elli affoca 
chiuder conviensi per lo forte acume; 
      e quale stella par quinci più poca, 
parrebbe luna, locata con esso 
come stella con stella si collòca. 
      Forse cotanto quanto pare appresso 
alo cigner la luce che 'l dipigne 
quando 'l vapor che 'l porta più è spesso, 
      distante intorno al punto un cerchio d'igne 
si girava sì ratto, ch'avria vinto 
quel moto che più tosto il mondo cigne; 
      e questo era d'un altro circumcinto, 
e quel dal terzo, e 'l terzo poi dal quarto, 
dal quinto il quarto, e poi dal sesto il quinto. 
      Sopra seguiva il settimo sì sparto 
già di larghezza, che 'l messo di Iuno 
intero a contenerlo sarebbe arto. 
      Così l'ottavo e 'l nono; e chiascheduno 
più tardo si movea, secondo ch'era 
in numero distante più da l'uno; 
      e quello avea la fiamma più sincera 
cui men distava la favilla pura, 
credo, però che più di lei s'invera. 
      La donna mia, che mi vedea in cura 
forte sospeso, disse: «Da quel punto 
depende il cielo e tutta la natura. 
      Mira quel cerchio che più li è congiunto; 
e sappi che 'l suo muovere è sì tosto 
per l'affocato amore ond'elli è punto». 
      E io a lei: «Se 'l mondo fosse posto 
con l'ordine ch'io veggio in quelle rote, 
sazio m'avrebbe ciò che m'è proposto; 
      ma nel mondo sensibile si puote 
veder le volte tanto più divine, 
quant'elle son dal centro più remote. 
      Onde, se 'l mio disir dee aver fine 
in questo miro e angelico templo 
che solo amore e luce ha per confine, 
      udir convienmi ancor come l'essemplo 
e l'essemplare non vanno d'un modo, 
ché io per me indarno a ciò contemplo». 
      «Se li tuoi diti non sono a tal nodo 
sufficienti, non è maraviglia: 
tanto, per non tentare, è fatto sodo!». 
      Così la donna mia; poi disse: «Piglia 
quel ch'io ti dicerò, se vuo' saziarti; 
e intorno da esso t'assottiglia. 
      Li cerchi corporai sono ampi e arti 
secondo il più e 'l men de la virtute 
che si distende per tutte lor parti. 
      Maggior bontà vuol far maggior salute; 
maggior salute maggior corpo cape, 
s'elli ha le parti igualmente compiute. 
      Dunque costui che tutto quanto rape 
l'altro universo seco, corrisponde 
al cerchio che più ama e che più sape: 
      per che, se tu a la virtù circonde 
la tua misura, non a la parvenza 
de le sustanze che t'appaion tonde, 
      tu vederai mirabil consequenza 
di maggio a più e di minore a meno, 
in ciascun cielo, a sua intelligenza». 
      Come rimane splendido e sereno 
l'emisperio de l'aere, quando soffia 
Borea da quella guancia ond'è più leno, 
      per che si purga e risolve la roffia 
che pria turbava, sì che 'l ciel ne ride 
con le bellezze d'ogne sua paroffia; 
      così fec'io, poi che mi provide 
la donna mia del suo risponder chiaro, 
e come stella in cielo il ver si vide. 
      E poi che le parole sue restaro, 
non altrimenti ferro disfavilla 
che bolle, come i cerchi sfavillaro. 
      L'incendio suo seguiva ogne scintilla; 
ed eran tante, che 'l numero loro 
più che 'l doppiar de li scacchi s'inmilla. 
      Io sentiva osannar di coro in coro 
al punto fisso che li tiene a li ubi
e terrà sempre, ne' quai sempre fuoro. 
      E quella che vedea i pensier dubi 
ne la mia mente, disse: «I cerchi primi 
t'hanno mostrato Serafi e Cherubi. 
      Così veloci seguono i suoi vimi, 
per somigliarsi al punto quanto ponno; 
e posson quanto a veder son soblimi. 
      Quelli altri amori che 'ntorno li vonno, 
si chiaman Troni del divino aspetto, 
per che 'l primo ternaro terminonno; 
      e dei saper che tutti hanno diletto 
quanto la sua veduta si profonda 
nel vero in che si queta ogne intelletto. 
      Quinci si può veder come si fonda 
l'essere beato ne l'atto che vede, 
non in quel ch'ama, che poscia seconda; 
      e del vedere è misura mercede, 
che grazia partorisce e buona voglia: 
così di grado in grado si procede. 
      L'altro ternaro, che così germoglia 
in questa primavera sempiterna 
che notturno Ariete non dispoglia, 
      perpetualemente 'Osanna' sberna 
con tre melode, che suonano in tree 
ordini di letizia onde s'interna. 
      In essa gerarcia son l'altre dee: 
prima Dominazioni, e poi Virtudi; 
l'ordine terzo di Podestadi èe. 
      Poscia ne' due penultimi tripudi 
Principati e Arcangeli si girano; 
l'ultimo è tutto d'Angelici ludi. 
      Questi ordini di sù tutti s'ammirano, 
e di giù vincon sì, che verso Dio 
tutti tirati sono e tutti tirano. 
      E Dionisio con tanto disio 
a contemplar questi ordini si mise, 
che li nomò e distinse com'io. 
      Ma Gregorio da lui poi si divise; 
onde, sì tosto come li occhi aperse 
in questo ciel, di sé medesmo rise. 
      E se tanto secreto ver proferse 
mortale in terra, non voglio ch'ammiri; 
ché chi 'l vide qua sù gliel discoperse 
      con altro assai del ver di questi giri».
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
132 
 
 
135 
 
 
 
139