PARADISO

Canto sesto




 
 

       «Poscia che Costantin l'aquila volse 
contr'al corso del ciel, ch'ella seguio 
dietro a l'antico che Lavina tolse, 
       cento e cent'anni e più l'uccel di Dio 
ne lo stremo d'Europa si ritenne, 
vicino a' monti de' quai prima uscìo; 
       e sotto l'ombra de le sacre penne 
governò 'l mondo lì di mano in mano, 
e, sì cangiando, in su la mia pervenne. 
       Cesare fui e son Iustiniano, 
che, per voler del primo amor ch'i' sento, 
d'entro le leggi trassi il troppo e 'l vano. 
       E prima ch'io a l'ovra fossi attento, 
una natura in Cristo esser, non piùe, 
credea, e di tal fede era contento; 
       ma 'l benedetto Agapito, che fue 
sommo pastore, a la fede sincera 
mi dirizzò con le parole sue. 
       Io li credetti; e ciò che 'n sua fede era, 
vegg'io or chiaro sì, come tu vedi 
ogni contradizione e falsa e vera. 
       Tosto che con la Chiesa mossi i piedi, 
a Dio per grazia piacque di spirarmi 
l'alto lavoro, e tutto 'n lui mi diedi; 
       e al mio Belisar commendai l'armi, 
cui la destra del ciel fu sì congiunta, 
che segno fu ch'i' dovessi posarmi. 
       Or qui a la question prima s'appunta 
la mia risposta; ma sua condizione 
mi stringe a seguitare alcuna giunta, 
       perché tu veggi con quanta ragione 
si move contr'al sacrosanto segno 
e chi 'l s'appropria e chi a lui s'oppone. 
       Vedi quanta virtù l'ha fatto degno 
di reverenza; e cominciò da l'ora 
che Pallante morì per darli regno. 
       Tu sai ch'el fece in Alba sua dimora 
per trecento anni e oltre, infino al fine 
che i tre a' tre pugnar per lui ancora. 
      E sai ch'el fé dal mal de le Sabine 
al dolor di Lucrezia in sette regi, 
vincendo intorno le genti vicine. 
       Sai quel ch'el fé portato da li egregi 
Romani incontro a Brenno, incontro a Pirro, 
incontro a li altri principi e collegi; 
       onde Torquato e Quinzio, che dal cirro 
negletto fu nomato, i Deci e ' Fabi 
ebber la fama che volontier mirro. 
       Esso atterrò l'orgoglio de li Aràbi 
che di retro ad Annibale passaro 
l'alpestre rocce, Po, di che tu labi. 
       Sott'esso giovanetti triunfaro 
Scipione e Pompeo; e a quel colle 
sotto 'l qual tu nascesti parve amaro. 
       Poi, presso al tempo che tutto 'l ciel volle 
redur lo mondo a suo modo sereno, 
Cesare per voler di Roma il tolle. 
       E quel che fé da Varo infino a Reno, 
Isara vide ed Era e vide Senna 
e ogne valle onde Rodano è pieno. 
       Quel che fé poi ch'elli uscì di Ravenna 
e saltò Rubicon, fu di tal volo, 
che nol seguiteria lingua né penna. 
       Inver' la Spagna rivolse lo stuolo, 
poi ver' Durazzo, e Farsalia percosse 
sì ch'al Nil caldo si sentì del duolo. 
       Antandro e Simeonta, onde si mosse, 
rivide e là dov'Ettore si cuba; 
e mal per Tolomeo poscia si scosse. 
       Da indi scese folgorando a Iuba; 
onde si volse nel vostro occidente, 
ove sentia la pompeana tuba. 
       Di quel che fé col baiulo seguente, 
Bruto con Cassio ne l'inferno latra, 
e Modena e Perugia fu dolente. 
       Piangene ancor la trista Cleopatra, 
che, fuggendoli innanzi, dal colubro 
la morte prese subitana e atra. 
       Con costui corse infino al lito rubro; 
con costui puose il mondo in tanta pace, 
che fu serrato a Giano il suo delubro. 
       Ma ciò che 'l segno che parlar mi face 
fatto avea prima e poi era fatturo 
per lo regno mortal ch'a lui soggiace, 
       diventa in apparenza poco e scuro, 
se in mano al terzo Cesare si mira 
con occhio chiaro e con affetto puro; 
       ché la viva giustizia che mi spira, 
li concedette, in mano a quel ch'i' dico, 
gloria di far vendetta a la sua ira. 
       Or qui t'ammira in ciò ch'io ti replìco: 
poscia con Tito a far vendetta corse 
de la vendetta del peccato antico. 
       E quando il dente longobardo morse 
la Santa Chiesa, sotto le sue ali 
Carlo Magno, vincendo, la soccorse. 
       Omai puoi giudicar di quei cotali 
ch'io accusai di sopra e di lor falli, 
che son cagion di tutti vostri mali. 
       L'uno al pubblico segno i gigli gialli 
oppone, e l'altro appropria quello a parte, 
sì ch'è forte a veder chi più si falli. 
       Faccian li Ghibellin, faccian lor arte 
sott'altro segno; ché mal segue quello 
sempre chi la giustizia e lui diparte; 
       e non l'abbatta esto Carlo novello 
coi Guelfi suoi, ma tema de li artigli 
ch'a più alto leon trasser lo vello. 
       Molte fiate già pianser li figli 
per la colpa del padre, e non si creda 
che Dio trasmuti l'arme per suoi gigli! 
       Questa picciola stella si correda 
di buoni spirti che son stati attivi 
perché onore e fama li succeda: 
       e quando li disiri poggian quivi, 
sì disviando, pur convien che i raggi 
del vero amore in sù poggin men vivi. 
       Ma nel commensurar d'i nostri gaggi 
col merto è parte di nostra letizia, 
perché non li vedem minor né maggi. 
       Quindi addolcisce la viva giustizia 
in noi l'affetto sì, che non si puote 
torcer già mai ad alcuna nequizia. 
       Diverse voci fanno dolci note; 
così diversi scanni in nostra vita 
rendon dolce armonia tra queste rote. 
       E dentro a la presente margarita 
luce la luce di Romeo, di cui 
fu l'ovra grande e bella mal gradita. 
       Ma i Provenzai che fecer contra lui 
non hanno riso; e però mal cammina 
qual si fa danno del ben fare altrui. 
       Quattro figlie ebbe, e ciascuna reina, 
Ramondo Beringhiere, e ciò li fece 
Romeo, persona umìle e peregrina. 
       E poi il mosser le parole biece 
a dimandar ragione a questo giusto, 
che li assegnò sette e cinque per diece, 
       indi partissi povero e vetusto; 
e se 'l mondo sapesse il cor ch'elli ebbe 
mendicando sua vita a frusto a frusto, 
       assai lo loda, e più lo loderebbe».
 
 

 
 

 
 
9  
 
 
12 
 
 
15 
 
 
18 
 
 
21 
 
 
24  
 
 
27 
 
 
30 
 
 
33 
 
 
36 
 
 
39  
 
 
42 
 
 
45 
 
 
48 
 
 
51 
 
 
54  
 
 
57 
 
 
60 
 
 
63 
 
 
66 
 
 
69  
 
 
72 
 
 
75 
 
 
78 
 
 
81 
 
 
84  
 
 
87 
 
 
90 
 
 
93 
 
 
96 
 
 
99  
 
 
102 
 
 
105 
 
 
108 
 
 
111 
 
 
114 
 
 
117 
 
 
120 
 
 
123 
 
 
126 
 
 
129 
 
 
132 
 
 
135 
 
 
138 
 
 
 
142